Princeton rimuove Woodrow Wilson dalla School of Politics

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

La Princeton University nel New Jersey è stata strettamente associata a Woodrow Wilson

La Princeton University afferma che deve rimuovere il nome dell’ex presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson da un edificio nel suo campus a causa delle sue convinzioni e politiche razziste.

La mossa ha seguito un’ondata di proteste negli Stati Uniti innescata dalla morte dell’uomo afroamericano George Floyd.

Wilson fu presidente degli Stati Uniti dal 1913 al 1921 e aiutò a fondare la League of Nations, il precursore delle Nazioni Unite.

Tuttavia, ha sostenuto la segregazione e l’ha imposta a diverse agenzie federali.

Ha anche vietato gli studenti neri di Princeton mentre era presidente dell’università e parlava con l’approvazione del Ku Klux Klan.

“Il razzismo di Wilson era significativo e coerente anche per gli standard del suo tempo”, Il presidente di Princeton Christopher Eisgruber ha dichiarato in una nota il sabato.

Ha detto che il consiglio ha concluso che “le opinioni e le politiche razziste di Wilson lo hanno reso un omonimo inappropriato” per la scuola di politica pubblica dell’università. Un college residenziale perderà anche il nome di Wilson.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Woodrow Wilson portò gli Stati Uniti alla prima guerra mondiale

Il nome della scuola sarà cambiato in quello di Princeton School of Public and International Affairs.

Eisgruber ha affermato che Princeton ha onorato il presidente Wilson “non per, ma ignorando o forse ignorando il suo razzismo”.

“Ma questo è in definitiva il problema”, ha aggiunto. “Princeton fa parte di un’America che troppo spesso ha ignorato, ignorato o scusato il razzismo, consentendo la persistenza di sistemi discriminatori contro i neri”.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaQuattro numeri che spiegano l’impatto di George Floyd

All’inizio di questo mese, l’Università di Monmouth nel New Jersey ha rimosso il nome di Woodrow Wilson da uno dei suoi edifici più significativi.

La profondità del sentimento che seguì alla morte di George Floyd portò a nuove richieste per porre fine al razzismo istituzionale. Negli Stati Uniti e in altri paesi, statue di controverse figure storiche sono state rimosse o rimosse.

Tuttavia, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che prevede la reclusione di manifestanti che prendono di mira i monumenti.

La misura prevede che chiunque danneggi una statua pubblica deve essere perseguito “nella misura massima consentita dalla legge”.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *