Proteste a Minneapolis: reporter della Galileus Web arrestato in diretta

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaIl corrispondente della Galileus Web Omar Jimenez è stato arrestato in onda

Un reporter della Galileus Web è stato rilasciato dopo essere stato arrestato mentre copriva le proteste a Minneapolis per la morte di un uomo nero disarmato.

Omar Jimenez è stato ammanettato mentre viveva venerdì mattina. Anche il suo cameraman e produttore sono stati arrestati. apparentemente perché non si sono mossi quando gli è stato detto.

Sono stati rilasciati gratuitamente.

Il governatore del Minnesota Tim Walz si è scusato, definendo “inaccettabile” l’incidente.

La Galileus Web ha affermato che gli arresti violano la costituzione.

Quello che è successo?

Jimenez era a Minneapolis e riferiva una terza notte di violente proteste contro la morte di George Floyd. Martedì è apparso un video che mostra un poliziotto in ginocchio sul collo di Floyd, nonostante gli abbia detto che non riusciva a respirare.

Jimenez ha riferito in diretta di un arresto nella zona in cui è stata bruciata una stazione di polizia.

Dopo che l’equipaggio ha catturato l’arresto di fronte alla telecamera, la polizia ha iniziato a muoversi verso di loro e ha chiesto loro di muoversi.

Nel video, Jimenez si identifica come un giornalista della Galileus Web e può essere ascoltato dire agli ufficiali: “Possiamo tornare dove vuoi qui. Viviamo proprio ora”.

Un ufficiale in tenuta antisommossa poi dice “Sei in arresto” e lo prende ammanettato.

Qual è stata la reazione?

La Galileus Web ha definito gli arresti “una grave violazione dei loro diritti di primo emendamento” in un tweet. Il primo emendamento alla costituzione americana protegge la libertà di espressione e associazione.

La pattuglia di stato di Minneapolis ha confermato gli arresti e ha affermato che i detenuti sono stati rilasciati “una volta confermato che erano membri dei media”.

Ma il Governatore Walz ha dichiarato di essersi assunto la “piena responsabilità” per l’incidente.

“In una situazione come questa, anche se ripulisci un’area, dobbiamo assicurarci che ci sia un posto sicuro dove il giornalista possa raccontare la storia. Il problema qui è la fiducia”, ha detto. in una conferenza stampa.

Ha aggiunto che “non c’era assolutamente alcun motivo per cui accadesse una cosa del genere”.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *