Qasem Soleimani: l’Iran chiede l’arresto di Trump per l’omicidio del generale

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Qasem Soleimani è stato ucciso in uno sciopero dei droni ordinato da Donald Trump

L’Iran ha emesso un mandato di arresto contro il presidente Donald Trump per l’omicidio del principale comandante iraniano Gen Qasem Soleimani in Iraq a gennaio.

Il procuratore di Teheran Ali Alqasimehr ha affermato che Trump e altri 35 sono stati accusati di omicidio e terrorismo e che è stato chiesto all’Interpol di assistere nella loro detenzione.

Tuttavia, l’Interpol ha dichiarato che non prenderà in considerazione la richiesta iraniana.

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran ha dichiarato che il mandato è stato un colpo di propaganda che nessuno avrebbe preso sul serio.

Soleimani morì in uno sciopero dei droni vicino all’aeroporto internazionale di Baghdad ordinato da Trump, il quale affermò che il generale era responsabile della morte di centinaia di soldati americani e che anticipava attacchi imminenti.

L’Iran ha risposto lanciando missili balistici alle basi militari irachene che ospitano forze americane.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaQasem Soleimani: Chi era il generale della “rock star” iraniana?

“Circa 36 persone sono state identificate in relazione all’assassinio di Hajj Qasem. Hanno supervisionato, recitato e ordinato [it]”Ha detto Alqasimehr, citato dall’agenzia di stampa Mehr.

“Ciò include funzionari politici e militari degli Stati Uniti e di altri paesi, per i quali la magistratura ha emesso mandati di arresto e l’Interpol ha emesso avvisi rossi”.

Trump era in cima alla lista e il suo arresto sarebbe stato richiesto dopo la fine della sua presidenza, ha aggiunto il procuratore.

Il vice ministro degli Esteri Mohsen Baharvand ha dichiarato che la magistratura iraniana avrebbe presto emesso un atto d’accusa contro i responsabili dell’attacco al gen Soleimani e sperava di identificare gli operatori dei droni, secondo l’agenzia. Isna premere.

“L’Iran non cesserà i suoi sforzi finché queste persone non saranno assicurate alla giustizia”, ​​ha affermato.

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

L’omicidio del generale Soleimani ha spinto gli Stati Uniti e l’Iran sull’orlo della guerra

L’avviso rosso dell’Interpol è una richiesta alle forze dell’ordine di tutto il mondo per localizzare e arrestare provvisoriamente una persona in attesa di estradizione, consegna o qualsiasi altra azione legale simile. Non è un mandato di arresto internazionale.

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti Brian Hook ha dichiarato: “La nostra valutazione è che l’Interpol non interviene e non emette avvisi rossi basati su una natura politica.

“È di natura politica. Non ha nulla a che fare con la sicurezza nazionale, la pace internazionale o la promozione della stabilità … È una mossa di propaganda che nessuno prende sul serio.”

L’Interpol, che ha sede nella città francese di Lione, in seguito disse alla BBC che non avrebbe preso in considerazione la richiesta di aiuti iraniani.

Secondo la sua costituzione, era “severamente vietato all’organizzazione intraprendere qualsiasi intervento o attività di natura politica, militare, religiosa o razziale”, ha aggiunto.

Gli analisti affermano che l’emissione del mandato d’arresto è poco più che un gesto simbolico dell’Iran, ma che riflette la profondità dell’animosità provata nei confronti del presidente Trump.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *