Recensione di Warrior Nun: la serie ispirata ai manga è lo strano volo di Netflix nel genere

Mentre giocare con la religione può facilmente essere un terzo binario – specialmente quando sono coinvolte forze potenzialmente dannose in Vaticano – la premessa è un po ‘troppo fantasiosa per provocare indignazione, con un vecchio ordine di suore dedicate alla lotta contro i demoni, dal punto di vista degli innocenti con gli occhi spalancati portati in questo mondo.

Sarebbe Ava (Alba Baptista), 19 anni, che si sveglia in un obitorio, dopo essere stato rianimato da un manufatto divino a forma di cerchio che, in un atto di disperazione, è stato integrato in esso. Ava è naturalmente sconcertata e cade con un gruppo di amici che diventa sempre più difficile proteggersi dagli aspetti più soprannaturali della sua nuova esistenza.

Le suore hanno un assortimento di armi e abilità pazze di tipo ninja, ma proprio come “The Matrix”, Ava è essenzialmente la prescelta in virtù dei suoi poteri, anche se non può controllarli, e non presenta molto interesse a salvare il mondo nonostante coloro che cercano di guidarlo.

Lo stato esaltato di Ava produce attrito all’interno del gruppo – la gelosia professionale è ovunque, anche quando sono le suore che combattono contro i demoni generati dal computer – e i dettagli della sua storia e di come è morta, gradualmente scivolano verso durante la prima stagione.

“Dribble out”, ahimè, è una descrizione abbastanza buona della serie in generale, che presenta un assortimento essenzialmente non descrittivo di personaggi, tra cui Joaquim de Almeida come cardinale nella Chiesa cattolica con la supervisione dell’ordine, che affronta il sacerdote (Tristan Ulloa) in mente, alimentando la speculazione sulle sue motivazioni.

“Warrior Nun” è solo l’ultima serie del suo genere ad atterrare su Netflix, dopo “Carbonio stagionato” e “The witcher” e prima della premiere del 17 luglio di “Maledetto”, derivato dalla reinvenzione della leggenda arturiana di Thomas Wheeler e della leggenda dei fumetti Frank Miller, con “13 Reasons Why’s” Katherine Langford.

Una tariffa di questo genere attira ovviamente un sottogruppo appassionato di abbonati, ma quando è tanto stupido, tende ad avere un fascino limitato oltre queste panchine.

“Warrior Nun” sta avanzando quanto basta per guidarti potenzialmente durante la stagione, chiedendosi dove finirà. Oltre a ciò, quando si tratta di sostenere di più, diciamo solo che Ava non è l’unica che vive di preghiera.

“Warrior Nun” è stato rilasciato il 2 luglio su Netflix.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *