Recensione “ irresistibile ”: Jon Stewart affronta l’unione di denaro e politica nel suo ultimo sforzo di leadership

Riunito con il suo ex collega “The Daily Show” Steve Carell, Stewart sceglie obiettivi familiari. Si inizia con eccessi mediatici, dagli host di Fox News agli scorci di un pannello della Galileus Web con più esperti di condivisione dello schermo di “Hollywood Squares”.

Tuttavia, l’attenzione principale è rivolta al gioco politico, incarnato dal consulente Gary Zimmer, interpretato da Carell. Mostrato nelle foto accanto a Bill Clinton, è chiaro che ha del succo nei circoli democratici, il che rende improbabile la sua ultima missione.

Zimmer ha identificato un agricoltore del Wisconsin (è stato descritto con il chirone “Heartland USA”) che sposa i valori progressivi in ​​un video virale. Questa clip ispira Zimmer a convincere il colonnello in pensione Jack Hastings (Chris Cooper, al suo meglio) a candidarsi per le elezioni nella sua piccola città.

Perché il candidato per le patate piccole? Perché fa tutto parte di un gioco più grande, usare Jack per “testare un messaggio morale della campagna sulla strada” per la scena nazionale, anche se ciò significa dover calmare le mucche per girare spot televisivi popolari. .

Questo piano generale, tuttavia, non sfuggì all’individuazione, in quanto un consulente repubblicano rivale, Faith Brewster (Rose Byrne), scese anche sulla città, montando una controffensiva.

Segue una dura battaglia tra le due parti, gettando risorse in un piccolo villaggio dove gli abitanti – tra cui la figlia protettiva di Jack (Mackenzie Davis) – appaiono a loro volta sconcertati e perplessi dal processo. (La distribuzione della qualità include Topher Grace e Natasha Lyonne in piccoli ruoli dal lato del libro mastro.)

Dopo aver interrotto il suo passaggio “Daily Show” per dirigere il poco visto “Rosewater”, Stewart è qui un po ‘più commerciale. Detto questo, la sequenza più animata si verifica effettivamente nei titoli di coda, quando Stewart appare alla telecamera per intervistare un esperto elettorale, che equivale a un tutorial su ciò che hai appena visto.

Carell sta bene, ma l’intera formula del pesce fuor d’acqua – prima con lui in un paese agricolo, poi con il colonnello che lo accompagna durante una raccolta fondi da donatori nelle grandi città – non lo è non particolarmente ispirato. È troppo “Green Acres” -ish per il suo bene.

In un certo senso, “irresistibile” è vittima di grandi aspettative. È per lo più divertente e ragionevolmente intelligente; Tuttavia, per coloro che mancano a Stewart, filmando la satira lacerante quattro sere a settimana, questo non aumenta un livello che giustificherebbe rinunciare, nonostante tutto.

Con l’avvicinarsi della stagione delle campagne, Stewart ha sicuramente alimentato il pensiero, specialmente riguardo alla trasformazione della politica alimentata dai media in intrattenimento e guerra tribale. Come il suo patrocinio per i primi soccorritori dell’11 settembre, ha anche affermato di essere meno interessato a segnare punti partigiani piuttosto che ad esporre difetti sistemici, sebbene sia difficile discutere di questi ultimi senza scuotere le dita contro i responsabili.

Alla fine, tuttavia, “Irresistibile” cerca di influenzare i cuori e le menti aperti, e forse inevitabilmente finisce per predicare – e sì, questo è il termine operativo – al coro. Mentre i test su strada procedono, il film di Stewart supera l’ispezione, ma a malapena.

“Irresistible” viene rilasciato il 26 giugno su richiesta.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *