Ricorda la Brexit? Perché la Gran Bretagna potrebbe davvero lottare per uscire dalla recessione

Tuttavia, il Regno Unito si sta anche affrettando verso una scadenza autoimposta per la conclusione di un accordo commerciale post Brexit con l’Unione europea, il suo più grande mercato di esportazione, entro la fine dell’anno. I colloqui non stanno andando bene, suggerendo la possibilità di un altro grave shock mentre la ripresa economica attesa sta guadagnando slancio.

“L’intero mondo avanzato è in recessione a causa del coronavirus”, ha affermato Kallum Pickering, economista senior della Berenberg Bank. “Ma il Regno Unito ha un ulteriore problema nei negoziati Regno Unito-UE nella seconda metà.”

Anche senza considerare le implicazioni della Brexit, l’economia britannica si trova in una situazione critica.

La Banca d’Inghilterra ha dichiarato all’inizio di questo mese che l’economia potrebbe contrarsi del 14% quest’anno. Questa sarebbe la più grande contrazione annuale dopo un calo del 15% nel 1706, secondo la migliore stima della banca dati storica. Il PIL potrebbe scendere del 25% nei tre mesi fino alla fine di giugno.

I dati pubblicati dal governo britannico negli ultimi giorni sono strazianti. Le richieste di sussidi di disoccupazione sono aumentate del 69% a quasi 2,1 milioni il mese scorso. L’inflazione ad aprile, per il suo terzo mese consecutivo, è scesa allo 0,8%, facendo temere che i prezzi entrino in una dannosa spirale discendente.

I ristoranti e i negozi non essenziali rimangono chiusi e gli economisti non sono convinti che l’attività riprenderà immediatamente dopo la riapertura.

Il cattivo umore si è riflesso mercoledì quando il governo britannico ha venduto il suo primo legame con a rendimento negativo. Ciò ha indicato che la domanda era così elevata che gli investitori erano essenzialmente disposti a pagare il governo britannico per prestargli denaro.

I gilt, come vengono chiamati, sono considerati un bene rifugio, insieme ai titoli di stato statunitensi, giapponesi e tedeschi; la forte domanda indica che gli investitori sono preoccupati che la crescita economica rimanga depressa.

“I mercati riflettono la realtà economica secondo cui l’economia è crollata”, ha dichiarato Robert Wood, capo economista britannico presso Bank of America.

La sterlina è scesa di oltre l’8% dall’inizio dell’anno a meno di $ 1,22 e inoltre è scesa di oltre il 5% contro l’euro. il FTSE 100 ((UKX) a Londra, l’indice ha perso oltre il 21% dall’inizio dell’anno, rispetto a quasi il 9% per l’S & P 500, mentre l’indice FTSE 250 per le società britanniche di medie dimensioni è diminuito di oltre il 26%.

Nel tentativo di arginare il vasto danno economico, il governo britannico ha preso in prestito £ 62,1 miliardi ($ 75,7 miliardi) in aprile, il livello più alto dall’inizio dei massimi storici nel 1993. Il governo ora prevede che ‘Dovrà prendere in prestito £ 298,4 miliardi ($ 363,3 miliardi) fino a marzo 2021., quasi il doppio rispetto al culmine della crisi finanziaria globale.

E il governatore della Bank of England Andrew Bailey ha persino accennato questa settimana che i tassi di interesse ufficiali – attualmente 0.1% – potrebbe diventare negativo per la prima volta nella storia britannica. I suoi commenti hanno incoraggiato la speculazione che la banca avrebbe potuto optare per tassi negativi nel 2021, se l’economia avesse avuto bisogno di un altro impulso allora.

“Ciò che la Banca d’Inghilterra ha fatto è rimuovere la soglia dei tassi chiave, quindi non si può presumere che certamente non scenderanno sotto lo zero”, ha detto Wood. “Detto questo, i tassi chiaramente negativi sono l’ultima risorsa qui.”

Orologio Brexit

Il rischio di cui potrebbero aver bisogno aumenta, poiché il primo ministro Boris Johnson si è impegnato a fissare i termini delle nuove relazioni del Regno Unito con l’Unione europea entro la fine del 2020, dopo aver lasciato il blocco. a gennaio.

Il mancato raggiungimento di un accordo potrebbe sottoporre le società del Regno Unito a nuove tariffe elevate, minacciando le loro catene di approvvigionamento e i loro prodotti e servizi più costosi nel peggior momento possibile. Il Regno Unito ha tempo fino al 30 giugno per richiedere un’estensione, ma il governo Johnson ha sempre affermato di non voler farlo.

Tuttavia, i colloqui non stanno andando bene. Michel Barnier, il principale negoziatore dell’UE per la Brexit, ha dichiarato la scorsa settimana di non essere “ottimista” nel raggiungere un accordo con il Regno Unito, aggiungendo che l’UE avrebbe intensificato preparativi per la fine dell’anno senza che siano state introdotte nuove condizioni commerciali.

Il capo negoziatore britannico sulla Brexit David Frost ha dichiarato in una lettera a Barnier martedì che l’UE stava proponendo “un accordo commerciale di qualità relativamente bassa”.

Senza un accordo, le industrie che hanno già colpito duramente dalla pandemia sarebbe stato battuto ancora di più.
David Henig, ex negoziatore commerciale e direttore del Progetto di politica commerciale del Regno Unito presso il Centro europeo per l’economia politica internazionale, ha affermato su Twitter Giovedì, una tariffa del 10% sulle auto spedite nell’Unione Europea entrerebbe in vigore se non si raggiungesse un accordo, minacciando almeno 15 miliardi di sterline (18,3 miliardi di dollari) di esportazioni.

Pickering della Berenberg Bank teme che l’orologio nei negoziati sulla Brexit creerà problemi per il Regno Unito nella seconda metà, quando si prevede che la crescita economica riprenderà.

La spesa delle famiglie, che rappresenta circa il 70% del PIL del Regno Unito, determinerà la traiettoria della ripresa del Regno Unito, ha affermato. Alla fine del blocco, la preoccupazione è quella Gli inglesi continueranno a risparmiare denaro a causa dell’ansia lavorativa o di una seconda ondata di infezioni, limitando l’impatto delle misure di soccorso del governo e della banca centrale.

L’incertezza sulla Brexit non farà che incoraggiare eccessivo economia, secondo Pickering.
Le vendite di auto nel Regno Unito calano del 97% nel mese peggiore dal 1946

Anche se il Regno Unito raggiunge un nuovo accordo commerciale con l’Unione europea, esso non sarà favorevole come il vecchio regime. Johnson sta spingendo per un accordo che consenta al Regno Unito di firmare un accordo anche con partner commerciali come gli Stati Uniti.

Nel progetto di proposta pubblicato questa settimana dal governo britannico, la Gran Bretagna ha ribadito di non voler far parte del mercato unico dell’UE e cerca invece un accordo in linea con quanto messo in atto dal blocco con il Canada o il Giappone.

“Il peggioramento delle condizioni commerciali con la destinazione per quasi la metà delle esportazioni sarà uno svantaggio economico”, ha dichiarato Wood of Bank of America. “[It’s] un altro motivo per aspettarsi che la ripresa da questa crisi sia una U molto allungata [shape], non un V. “

Il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha fatto eco a questa opinione giovedì.

“La Brexit complicherà ulteriormente le cose”, ha detto Varadkar. “Come ho detto qualche mese fa, la Brexit non è finita. È solo metà tempo.”

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *