Senza Eriksen e con Gagliardini: è così che Conte gioca l’Inter contro il Getafe | Prima pagina

Ci vediamo in campo, solo in campo, per cercare di recuperare, almeno per ora, il sensazionale attacco di stampa fatto al club dopo la vittoria contro l’Atalanta che ha chiuso il campionato. Adesso per Antonio Conte e per l’Inter conta solo l’Europa League e soprattutto prova a vincerlo, regalati e regalati un trofeo di carta alla portata della squadra nerazzurra. Un modo di Gelsenkirchen in Germania ci sarà scontro a eliminazione diretta con Getafe che, tuttavia, vale più del semplice superamento della curva.

L’INTER È GIOCATO – È impossibile pensare che la posizione di Conte ora possa essere considerata ferma sulla panchina nerazzurra. In effetti, l’eco dei media ha in effetti indebolito la sua posizione e la stima che la società ha (sia con Marotta che con il Presidente Zhang) dal suo lavoro. L’allenatore del Salento non ha carte diverse da quella di vittoria, per mostrare ancora una volta attraverso il campo quale fosse il suo lavoro e che potrebbe quindi portare a considerare le sue parole come proposto. Tuttavia, se si verifica una sconfitta in campo o in altro modo eliminazione, esploderà tutto il castello su cui potrebbe essere conservata la sua conferma, compromettendo tutti i tipi di crediti acquisiti finora.

LE SCELTE PROBABILI – Fondamentalmente con Getafe, Conte sta giocando una parte importante del suo futuro (se ce n’è uno) a Milano e lo farà cercando di confermare l’11 che ha fatto e convinto contro l’Atalanta. Pochi cambiamenti, probabilmente solo uno, con Goddess-The Free e Bastoni proteggere Handanovic, cinque centrocampisti in linea con Gagliardini, Brozovic e Barella Tra e Candreva (invece di D’Ambrosio) e Giovane nel gruppo dietro il duo Lukaku-Lautaro. Le possibilità di vedere il campo sono ancora molto basse Cristian Eriksen e Milan Skriniar, durante Stefano Sensi poteva almeno tornare in panchina e prendere più spazio dal danese nelle rivoluzioni della seconda metà. Getafe è una squadra tosta, che tende a distruggere il gioco avversario piuttosto che crearlo da solo. Non il più semplice degli avversari per Conte, in uno dei momenti più delicati della sua gestione.

FORMAZIONE PROBABILE
INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Bastoni; Candreva, Barella, Brozovic, Gagliardini, Young; Lukaku, Lautaro. All.Conte
GETAFE (4-4-2): Soria; Damián Suárez, Djené, Exteita, Olivera; Nyom, Arambarri, Maksimović, Cucurella; Mata, Molina. All.Bordalas

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *