Tassa automobilistica, il dettaglio nascosto che può innescare il colpo di stato

Comprendono anche i debiti di un parente deceduto timbrato dell’auto eventualmente non pagata, motivo per cui questo elemento può essere aggiunto anche a quelli inseriti in una successione ereditaria.

Al momento della morte, infatti, il tuttoeredità, compresi beni e debiti, è passata a un genitore scelto esplicitamente per testamento o secondo le linee tracciate dalla legge (dal coniuge, ai figli ed eventualmente ad altri parenti fino al sesto grado). Chiunque sia beneficiario di un’eredità dovrà quindi assumere eventuali debiti su un veicolo appartenente al parente deceduto, prendendosi in carico, ad esempio, semplicemente anche pagare la tassa dell’auto entro la data di scadenza prevista.

Nel caso in cui gli eredi siano più numerosi, ciascuno di essi sarà tenuto a versare una parte della somma totale corrispondente alla distribuzione prevista dall’eredità stessa. Si tratta di una situazione che ovviamente non si pone quando si parla di un unico erede, sia nel caso in cui il ruolo sia investito direttamente dalla volontà sia se sia investito a norma di legge come unico beneficiario dei beni del defunto. Diventando, a tutti gli effetti, unico proprietario dell’auto, sarà contestualmente anche responsabile del pagamento dell’intero importo.

Nuovo proprietarioovviamente questo significa anche doversi occupare della documentazione necessaria per certificare il cambio di titolo del veicolo. L’erede dovrà quindi espletare tutte le pratiche burocratiche, a partire da quella del passaggio di proprietà, la cui iscrizione dovrà essere effettuata nel pubblico registro motori (Pra). Dopo una necessaria autenticazione della firma dell’erede (o degli eredi), ci saranno 60 giorni a disposizione per registrare il passaggio presso la sede provinciale di Aci Pra o Civile Motorizzazione.

L’unica situazione in cui l’erede può evitare di pagare la tassa per un’auto ereditata si verifica nel caso in cui l’auto sia caduta ordine, oppure se sono trascorsi almeno 3 anni dal 1 ° gennaio dell’anno successivo in cui avrebbe dovuto essere pagato il pagamento dell’imposta di bollo.

Ovviamente è possibile farlo anche rinunciando all’eredità del veicolo, la cui proprietà passa in questo caso automaticamente allo Stato.

Avatar

Tommaso I  Genovese

Tommaso è un'ancora sportiva e corrispondente per Dico News. Nato in Inghilterra e con sede presso la sede di Dico News, copre le principali notizie sportive e gli eventi per Dico News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *