The Dem Convention: il giorno di Jill Biden, l’insegnante che studia come First Lady

Dal nostro corrispondente
WASHINGTON Jill’s Night, “The Teacher”. Jill Tracy Jacobs Biden, moglie del candidato alla presidenza e quindi possibile first lady americana, ha chiuso ieri la seconda giornata della convention democratica. Un compito difficile dopo l’intenso discorso di Michelle Obama di lunedì 17 agosto.

Jill, 69 anni, è nata ad Hammonton, nel New Jersey. Leggi la sua autobiografia Dove entra la luce, Dove entra la luce, (Flatiron Books, 2019) scopriamo che è lì anche un po ‘di Italia nella sua storia. Il suo bis-bisnonno si chiamava Giacoppa, che in seguito divenne Jacobs, quando sbarcò prima della seconda guerra mondiale, come milioni di altri immigrati, a Ellis Island, New York. I ricordi di Jill mescolano “l’odore del pane tostato italiano”, suo nonno che continuava a dire “qui finisce tra tarallucci e vino”. La ritroviamo cinquant’anni dopo, nel 2008, a correggere i compiti degli studenti nella piccola cabina dell’Air Force 2, l’aereo riservato al vicepresidente.

Jill ha incontrato il suo futuro marito nel 1975. Aveva appena divorziato da Bill Stevenson. Ecco la sua storia: “Come hai ottenuto questo numero? Queste sono le prime parole che ho scambiato con l’allora senatore Joe Biden. Era il marzo 1975 ”. Biden l’aveva vista su una bacheca all’aeroporto di Wilmington. Jill aveva posato per una promozione del parco.

In questi giorni Stevenson, 72 anni, si è presentato con il New York Post, rivelando che Jill lo aveva, infatti, tradito con il senatore del Delaware, “già nel 1974”. Jill ha finora scelto di lasciarsi sfuggire tutto, anche le accuse di molestie sessuali mosse contro il marito da Tara Reade, assistente del senatore nel 1993. Vedremo se riuscirà a farlo nelle prossime settimane, quando il confronto con Donald Trump diventerà amaro, feroce.

Il suo messaggio è semplice. Alla fine, i valori cardine sono “famiglia, amore, legami reciproci”. L’America deve tornare a diventare “una grande famiglia»Dove prevale la solidarietà sulle divisioni, perché, e pecchiamo sempre Dove entra la luce, “Siamo distrutti, siamo feriti, ma non siamo soli. Camminiamo mano nella mano attraverso le avversità e le battute d’arresto e quando non possiamo camminare, possiamo ricevere aiuto. Questo è il momento in cui entra la luce ”.

Come Michelle, Jill non entra nel regno delle proposte concrete. Ma sarebbe un errore sottovalutare la sua esperienza politica. È iniziato nel 1978 dopo le campagne elettorali di Joe. All’inizio tremava al pensiero di chiacchierare con uno sconosciuto per strada, ma poi si è abituata a parlare davanti a migliaia di persone, sostituendo anche il marito alle adunanze.

Nel 2008 ha sorpreso tutti quando si è scoperto che voleva continuare a insegnare. “Mi cambiavo in bagno al Northern Virginia Community College. Ho indossato un abito da cocktail e tacchi alti a un ricevimento alla Casa Bianca.

Jill ha due master e un dottorato, laureandosi in lingua e letteratura inglese, “ha studiato di notte per quindici anni” mentre metteva su famiglia con i figli di Joe, Hunter e Beau (morti poi nel 2015 per un tumore al cervello). Ad Ashley, unica figlia nata dall’unione con l’ex vicepresidente, ripeteva sempre l’altro suo dogma: “Le donne devono essere economicamente autonome. Sempre”.

18 agosto 2020 (modifica il 18 agosto 2020 | 22:06)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *