USA 2020: la prima sconfitta nella famiglia erede Kennedy

Vice Dem Joseph Kennedy III Divenne il primo membro della sua dinastia aristocratica a perdere il suo seggio principale per un seggio al Senato in Massachusetts, roccaforte della famiglia. Lo hanno riferito i media statunitensi.

Senatore di settantaquattro anni Ed Markey Il 39enne ha sconfitto Kennedy alle primarie democratiche in Massachusetts. Questa è una sconfitta storica per la “dinastia” Kennedy: la prima volta che un membro della famiglia irlandese è stato sconfitto in Massachusetts dal presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald.

I liberali, che dal 2013 sostengono il 37enne senatore alla Camera e al Senato, hanno vinto la campagna antiistituzionale. Elizabeth Warren La persona più giovane ad essere eletta al Congresso Alexandria Ocacio-Cortes. Marquez vuole vincere un seggio senatoriale alle elezioni di novembre: solo due repubblicani hanno vinto lo stato del Massachusetts negli ultimi 50 anni.

Kennedy, il nipote del presidente John Fitzgerald, assassinato nel 1963, perse dal 46,5% al ​​53,5% dei voti. Dopo essere stato eletto al Senato, Kennedy, portavoce della quarta generazione della famiglia, è entrato alla Camera dei Rappresentanti nel 2013 e non ha potuto candidarsi alla riconferma del suo seggio alla Camera: così il prossimo Congresso non avrà membri della storica famiglia.

Dal 1947, ad eccezione di due anni, c’è sempre stato un Kennedy tra gli eletti al Congresso.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *