Virgin Australia volerà di nuovo con il nuovo proprietario statunitense Bain Capital

Copyright dell’immagine
Getty Images

Virgin Australia è stata acquistata dal gruppo di private equity americano Bain Capital dopo essere stata amministrata a causa delle restrizioni di viaggio legate ai coronavirus.

La compagnia aerea ha dovuto far fronte a un debito a lungo termine di 5 miliardi di dollari australiani (2,55 miliardi di sterline; 3,17 miliardi di dollari) anche prima dello scoppio della pandemia.

La seconda compagnia aerea più grande dell’Australia aveva richiesto senza successo prestiti pubblici prima del suo crollo in aprile.

Virgin Australia attualmente appartiene a numerosi importanti azionisti, tra cui Sir Richard Branson.

Gli amministratori delle compagnie aeree Deloitte hanno dichiarato venerdì che Bain diventerà i nuovi proprietari, con l’accordo che sarà finalizzato a fine agosto.

Una dichiarazione afferma che Bain supporta l’attuale management team della compagnia aerea e il suo piano di recupero per l’azienda. Si è anche impegnato a mantenere migliaia di posti di lavoro.

  • Virus spinge le compagnie aeree nell’anno “peggiore” di sempre
  • Salire a bordo di un aereo è sicuro?

Inoltre, un “significativo apporto di capitale” sarebbe stato fatto per aiutare la Virgin Australia a ricapitalizzare per il futuro, afferma la nota.

Bain e un’altra compagnia americana, Cyrus Capital Partners, erano in corsa per acquistare la compagnia aerea prima che Cyrus si ritirasse venerdì.

“Bain Capital ha presentato un’offerta forte e avvincente per l’azienda che garantirà il futuro della seconda più grande compagnia aerea australiana, migliaia di dipendenti e le loro famiglie e assicurerà che l’Australia continui a godere dei vantaggi di un settore di aviazione competitiva “, ha dichiarato Deloitte nel comunicato.

Una vittoria per il governo

Simon Atkinson, BBC News, Sydney

Anche se c’è stato molto interesse nell’acquistare Virgin Australia, ci saranno sempre sospiri di sollievo negli attuali corridoi poiché la compagnia aerea ha un nuovo proprietario.

Per il governo, è una vittoria. Virgin fu salvata senza intervento statale e fu evitata la prospettiva di un monopolio di Qantas.

A breve termine – se e quando apriranno i confini nazionali – ci sarà una domanda repressa da entrambe le compagnie aeree (e le loro affiliate scontate) per le persone che cercano disperatamente di volare in Australia per vedere la famiglia, fare offerte o vacanze a casa anziché all’estero.

Ma l’Australia è nella sua prima recessione in quasi tre decenni. La disoccupazione record e l’inevitabile riduzione delle prestazioni sociali di Covid-19 significano che presto ci saranno pochi dollari fluttuanti che le persone potranno spendere.

E il successo della videoconferenza spingerà le aziende a corto di denaro a riconsiderare quei viaggi d’affari Sydney-Melbourne che sono stati la proverbiale vacca da mungere per Qantas e Virgin.

Sarà quindi interessante vedere in che modo le due compagnie aeree sono in concorrenza tra loro e, poiché entrambi si stanno affollando per nuovi investimenti, se intraprendono il cammino di una guerra dei prezzi.

Oltre a Sir Richard, Virgin Australia è attualmente di proprietà di numerosi azionisti, tra cui Singapore Airlines, il governo degli Emirati Arabi Uniti e la compagnia aerea cinese HNA.

Sir Richard disse che avrebbe venduto una partecipazione nella sua attività nel settore spaziale Virgin Galactic per sostenere le sue altre attività, tra cui Virgin Atlantic. Ha anche messo la sua lussuosa Necker Island come garanzia per aiutare a garantire un prestito governativo.

La compagnia aerea rivale Qantas ha annunciato giovedì che taglierà 6.000 posti di lavoro come parte dei suoi piani per sopravvivere alla pandemia di coronavirus.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *