Xiaomi Mi TV Stick vs. Amazon Fire TV Stick: quale acquistare?

Se fossero posizionati fianco a fianco, eliminando il logo che li contraddistingue, sarebbe difficile notare eventuali differenze tra i Amazon Fire TV Stick e il Xiaomi Mi TV Stick, la nuova chiavetta HDMI TV dell’azienda cinese che, dopo il suo nome, è considerata un concorrente diretto del dispositivo Amazon TV. In realtà, tuttavia, i due dispositivi sono molto diversi, non tanto quando si tratta di hardware, ma quando si tratta di software: il Mi TV Stick è alimentato da Android TV, il sistema operativo proprietario di Google che non solo integra tutte le funzioni di Cromecast, ma rende anche disponibile il Play Store per gli utenti, con il quale scaricare centinaia di applicazioni e giochi.

Bene, tenendo conto della versione Full HD Amazon TV Stick (che, a differenza di Xiaomi è disponibile anche in una versione 4K), è più che legittimo essere in dubbio su quale scegliere, soprattutto perché entrambi i modelli sono venduti a un prezzo decisamente abbordabile. a tutti: il Amazon Fire TV Stick costa 39,99 euro (ma spesso viene offerto anche a 25 euro), mentre puoi trovare il file Xiaomi Mi TV Stick su Amazon a 49,99 euro.

Ma prima di saltare direttamente al vero confronto tra i due dispositivi, voglio prendere un sassolino dalla scarpa che mi ha infastidito da molto tempo: non viene fuori dalla mia testa che entrambi i dispositivi hanno un prezzo troppo alto, soprattutto considerando materiale che li anima che, ancor più con Android TV, potrebbe dimostrarsi dì un po ‘lento. Ma andiamo in ordine.

Quale acquistare tra Xiaomi MI TV Stick e Amazon Fire TV Stick

Contenuto della confezione

In termini di accessori e contenuto della confezione, non ci sono differenze sostanziali tra i due dispositivi. Che c’è Mi TV Stick che il Amazon Fire TV Stick sono venduti in scatole compatte, in cui – oltre allo stilo HDMI TV – C’è un telecomando e un cavo microUSB con cui è possibile alimentare i dispositivi: entrambi, tra gli altri, possono essere collegati e alimentati direttamente da una qualsiasi delle porte USB della TV, se la TV ne ha una.

Nella confezione di Fire TV Stick tuttavia, è inclusa anche una sorta di “estensione” HDMI, che semplifica il collegamento dello stilo HDMI alla TV, nel caso in cui non vi sia spazio sufficiente. E da questo punto di vista, il primo voto va sicuramente al dispositivo Amazon: è una soluzione tanto semplice quanto comoda, che per alcuni utenti potrebbe risolvere molti problemi.

Design e materiali

Indipendentemente dal logo e dall’area di finitura lucida, il Xiaomi Mi TV Stick è molto simile a Amazon Fire TV Stick per quanto riguarda design e materiali. D’altra parte, sono entrambi “TV stick”, il che rende obbligatorie alcune scelte progettuali. La realtà dei fatti, tuttavia, è che i due dispositivi hanno dimensioni molto simili: il Xiaomi Mi TV Stick ha un corpo rettangolare di 9,50 x 3,50 x 2,00 cm, mentre il Amazon Fire TV Stick misura 8,6 x 3 x 1,2 cm.

Telecomando

Molto simili nella forma, ma con differenze sostanziali, i telecomandi per le due levette TV sono simili, ma solo nell’aspetto. In termini di qualità di costruzione, Amazon ha la massima velocità, ma non ti consente di disattivare Fire TV Stick, che è possibile con quello del MI TV Stick. Inoltre, nel telecomando della società cinese ci sono tasti di scelta rapida per avviare Netflix e Prime video, assenti dal telecomando di Amazon, dove, tuttavia, troviamo i tasti per controllare la riproduzione, che non sono nel Telecomando Xiaomi Mi TV Stick.

Anche il sistema di controllo del volume è diverso. Il Fire TV Stick controlla il livello di riproduzione audio del televisore, mentre quello del Mi TV Stick Può anche essere usato per controllare il volume di Android che è un’opzione molto utile soprattutto se si desidera controllare il volume di riproduzione mentre si indossano gli auricolari bluetooth.

attrezzatura

Parlando di materia prima e grezza. la domanda è semplice. Entrambi i modelli hanno una scheda tecnica molto simile disponibile e in entrambi i casi sono componenti decisamente discreti con scarse prestazioni. E questo è un fattore essenziale per poter quindi valutare l’esperienza dell’utente fornita dai due modelli, perché se da un lato lo stilo Amazon HDMI utilizza un sistema operativo proprietario, ancora basato su Android, è chiaro ma molto più leggero ( e limitato), d’altra parte il dispositivo Xiaomi utilizza Android TV, un sistema operativo decisamente più dinamico e potente di quello di Amazon, ma molto più esigente in termini di potenza di elaborazione. Il che ci porta sempre lì: mi chiedo sempre perché i produttori di questi dispositivi, ma anche di smart TV che integrano Android TV, non lo capiscono per far funzionare il sistema operativo Google senza alcun ritardo è necessario un processore più potente. Ma, sai, il dio del denaro in queste cose è il maestro.

Comunque, il processore del Fire TV Stick di Amazon è un Mediatek 8127D ARM quad-core da 1,3 GHz, affiancato da a GPU Mali 450 MP4, 1 GB di memoria RAM LPDDR3 ed 8 GB di memoria internae praticamente la stessa solfa si trova anche nella Mi TV Stick di Xiaomi, che è alimentata da un processore ARM Cortex-A53 1,2 GHz che è affiancato da a GPU Mali 450 MP4, 1 GB di memoria RAM Ed 8 GB di memoria interna. Per entrambi i modelli, tutto si trasforma in riproduzione video FullHD e supporto per codifiche audio Dolby Digital e DTS.

In breve, l’hardware dei due modelli è equivalente e, in termini di prestazioni chiaramente digitali, non ci sono grandi differenze tra i Mi TV Stick e il Amazon Fire TV Stick. Il punto è, tuttavia, che Android TV è un sistema operativo decisamente più affamato di energia rispetto alla società Bezos, che potrebbe sottolineare rallentamenti e molto ritardo più pronunciato nello stilo HDMI di Xiaomi, rispetto a ciò che accade su Fire TV.

Entrambi i dispositivi incorporano un modulo Bluetooth che consente l’associazione di diversi tipi di periferiche esterne, come un gamepad, un auricolare wireless o un mouse e una tastiera, e in entrambi i casi la gestione è decisamente semplice e intuitiva, quindi per questo direi che ‘un sorteggio è più che giusto.

Sicuro Fire TV Stick infine, è possibile sfruttare la porta microUSB con un adattatore OTG, al fine di collegare una chiave o un adattatore Ethernet, che è impossibile sul Xiaomi Mi TV Stick, che utilizzerà l’unica USB di cui è dotata esclusivamente per l’alimentazione.

Software

La sostanziale differenza tra i due modelli risiede quindi nel software. Un software che non solo influenza l’esperienza dell’utente, ma che dipenderà molto dalle prestazioni hardware delle penne: e senza girarsi, nonostante l’hardware quasi identico, la velocità di utilizzo di Fire TV Stick è molto più fluida rispetto a quello del Mi TV Stick.

E il motivo è Android TV, il sistema operativo Google progettato per i TV che integra anche il Play Store, da cui è possibile scaricare tutte le applicazioni sviluppate per essere controllate con sistemi non touch. Naturalmente, c’è anche un modo per installare tutte le app per smartphone, ma in questo modo sarà abbastanza complicato gestirle facilmente. È quindi chiaro che Android TV Play Store è più completo di Amazon Store e include tutte le principali applicazioni tranne Apple TV, l’applicazione della piattaforma di streaming di Cupertino che è disponibile solo su il Fire Stick TV.

Non sottovalutare l’integrazione di Chromecast in Android TV, che ti consentirà di eseguire lo streaming di contenuti dal tuo smartphone in un modo molto semplice e che non è presente in Fire TV Stick di Amazon, se non si utilizza un’applicazione di terze parti che, tra le altre cose, dovrà essere aperta ogni volta.

Per quanto riguarda l’esperienza dell’utente reale, quindi la fluidità dello streaming, l’apertura delle applicazioni e la velocità di scorrimento dei menu, le prestazioni sono per lo più comparabili ma, come ho detto, potrebbe accadere che nel Mi TV Stick rallentamenti e micro-ritardi si verificano più frequentemente, a causa del sistema operativo significativamente più pesante.

Ed è proprio questa “pesantezza” del sistema operativo che, molto probabilmente, influenza anche la temperatura operativa: il Mi TV Stick, anche quando lo si utilizza solo per lo streaming, tende a riscaldarsi in modo molto significativo, rendendo evidenti altri rallentamenti dovuti alla limitazione termica, un fenomeno che sul Fire TV Stick Non mi sono mai incontrato Quindi per ora e per me, Fire TV Stick è sicuramente preferibile.

conclusioni

In breve, riassumendo e valutando tutti i vantaggi e gli svantaggi dei due dispositivi, sono dell’opinione che – al giorno d’oggi – potrebbe avere più senso acquistarne uno Fire TV Stick anche (e soprattutto) per l’eccessivo surriscaldamento dello stilo Xiaomi HDMI, a condizione che vengano accettate tutte le limitazioni del sistema operativo che lo guida, inclusa l’assenza di un negozio “completo” come Play Store e l’assenza di Chromecast.

Perché in effetti è proprio la presenza di Chromecast che potrebbe effettuare l’acquisto del Mi TV Stick, soprattutto se si desidera utilizzarlo semplicemente come media center. È chiaro però che le opzioni (e tutti i diversi suggerimenti di modifica) disponibili su Android TV rendere la Mi TV Stick molto più dinamica e con più potenziale, ma rimane ancora molto limitato dalla piattaforma hardware che lo guida, chiaramente incapace di gestire meglio il sistema operativo di Google.

È vero, tuttavia, che come tutti i dispositivi Xiaomi, tra qualche mese ne vedremo sicuramente uno sostanziale calo dei prezzi (d’altra parte, costa già meno nei negozi cinesi) e quando costa circa 25/30 euro, il rapporto qualità-prezzo cambierà a suo favore. Basti pensare al Mi TV Box, che per i primi 6 mesi della sua vita era praticamente inutilizzabile, ma che dopo una serie di aggiornamenti è diventato molto fluido e molto funzionale. In breve, la speranza è l’ultima a morire.

€ 39,99

a disposizione

1 nuovo da € 39,99

Amazon.it

consegna gratuita

€ 39,99

a disposizione

7 nuovi da € 39,99

Amazon.it

consegna gratuita

Ultimo aggiornamento 03/08/2020 17:17

💰 Salva con GizDeals per le migliori offerte di Cina! ⭐️ Se hai fame di notizie, segui GizChina suoi Google News: fai clic sulla stella per aggiungerci ai preferitiIO .

Avatar

Regina D  Dellucci

Regina D è un'ancora premiata e corrispondente per Dico News. Si reca regolarmente in campo per ancorare e riferire su importanti notizie di attualità tra cui proteste, attacchi terroristici, test sulle armi. Per Dico News, ha anche ospitato spettacoli sulla tecnologia, mentre conduceva interviste approfondite con alcuni dei pensatori più innovativi del mondo. Con sede in Italia da due decenni, Regina mantiene un focus su come gli sviluppi in Italia stanno cambiando radicalmente il mondo per tutti noi. Regina è rimasta impegnata a riferire sul paese. Ha anche contribuito al lancio di On Italy, la prima serie regolare di Dico incentrata sul paese. Nel 2018, Regina ha assegnato il premio Best News o Current Affairs Presenter Awards. È stata anche riconosciuta più volte agli Europian Television Awards e dalla Royal Television Society.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *