Zheng Yanxiong: la Cina nomina il capo della sicurezza di Hong Kong

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Nel 2011, il signor Zheng (estrema sinistra) ha accusato i manifestanti di essere troppo vicini ai media stranieri

La Cina ha nominato una personalità senza compromessi a capo della sua nuova agenzia di sicurezza a Hong Kong.

Zheng Yanxiong è noto per il suo ruolo nel gestire una protesta contro una disputa sulla terra nel villaggio di Wukan, nel sud della Cina, nel 2011.

La nuova agenzia, che riporta direttamente a Pechino, è stata istituita per far rispettare una legge di sicurezza draconiana approvata questa settimana a Hong Kong.

Gli oppositori della legge stanno erodendo le libertà del territorio.

La legge prende di mira secessione, sovversione e terrorismo con condanne all’ergastolo.

Diversi rinomati attivisti per la democrazia hanno lasciato il loro ruolo e uno di loro, ex leader studentesco e legislatore locale Nathan Law, è fuggito dal territorio.

Pechino ha respinto i critici, dicendo che la legge è necessaria per fermare il tipo di proteste a favore della democrazia viste a Hong Kong per gran parte del 2019.

La sovranità di Hong Kong fu restituita in Cina dalla Gran Bretagna nel 1997 e alcuni diritti avrebbero dovuto essere garantiti per almeno 50 anni in base all’accordo “un paese, due sistemi”.

  • Perché le persone hanno paura della nuova legge di Hong Kong
  • Pochi minuti dopo la nuova legge, le voci si fermano

Ma la Cina ha respinto le denunce del Regno Unito e di altri paesi occidentali secondo cui sta violando queste garanzie come interferenze nei suoi affari interni.

Cosa sappiamo dei nuovi candidati cinesi?

Il posto più recente di Zheng era quello di segretario generale del comitato del Partito comunista nella provincia meridionale del Guangdong.

Ma è noto soprattutto come leader del partito nella città di Shanwei nel 2011 durante una manifestazione degli abitanti del villaggio a Wukan che chiedeva un risarcimento per i terreni richiesti dal governo.

A quel tempo, ha criticato gli abitanti del villaggio per parlare con “alcune organizzazioni dei media straniere marce” invece che con il governo in merito alle loro rimostranze.

“Questi media non saranno felici fino al collasso della nostra contea socialista”, ha detto nelle osservazioni trasmesse dalla televisione locale.

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Il signor Luo (foto a destra del centro brindando con il CEO Carrie Lam) è già un alto funzionario da Pechino a Hong Kong

La manifestazione ha portato a una rara concessione da parte delle autorità, con l’elezione diretta di un popolare leader locale. Tuttavia, cinque anni dopo, fu incarcerato per corruzione.

Anche Luo Huining, nominato consigliere del direttore generale di Hong Kong sulla nuova legge sulla sicurezza, è stato nominato da Pechino.

Il signor Luo attualmente dirige l’ufficio di collegamento di Pechino sul territorio. Eric Chan, un veterano di Hong Kong, dirigerà la commissione di sicurezza nazionale del territorio.

Per capire Zheng Yanxiong, devi conoscere un villaggio nel Guangdong chiamato Wukan.

Nel 2011, i residenti scontenti hanno sfrattato con la forza i funzionari governativi della regione, accusandoli di aver sequestrato la loro terra in una serie di accordi corrotti con gli sviluppatori.

Ne conseguì un blocco e, come parte di un accordo negoziato per disinnescare le tensioni, i residenti avevano il diritto di eleggere il proprio consiglio. È diventata un’esenzione democratica popolare in Cina.

Cinque anni dopo, i residenti – arrabbiati per il fatto che non erano stati pagati soldi per la terra rubata – hanno ripreso a camminare per le strade. La situazione è peggiorata dopo che il loro leader eletto è stato portato via dalle autorità con presunte false accuse.

I residenti autorizzati erano responsabili dei propri affari e ritenevano di poter ottenere giustizia. Ma il Partito Comunista ne ebbe abbastanza della ribellione e mandarono Zheng Yangxiong, che ordinò a centinaia di poliziotti antisommossa di effettuare arresti massicci e prendere il controllo. L ‘”esperienza Wukan” è stata sovrascritta.

Da allora, il signor Zheng è salito di livello, guadagnandosi la reputazione di fare tutto il necessario. Ora è a capo di una nuova agenzia di sicurezza a Hong Kong che opera senza restrizioni legali e che nessun’altra agenzia può toccare.

Cos’è la legge sulla sicurezza?

La legge è vasta, che incita all’odio per il governo centrale cinese e ai crimini del governo regionale di Hong Kong.

Permette anche prove chiuse, intercettazioni di sospetti e la possibilità di essere processati sulla terraferma cinese.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaMolti residenti temono che la nuova legge significhi la fine del principio “un paese, due sistemi”

Gli atti che includono danni alle strutture di trasporto pubblico – che spesso si sono verificati durante le proteste del 2019 – possono essere considerati terrorismo.

Anche la libertà online è una preoccupazione, poiché i fornitori di servizi Internet potrebbero essere tenuti a consegnare i dati su richiesta della polizia.

E da quando è stato introdotto martedì, il governo locale ha annunciato che lo slogan “Liberate Hong Kong, rivoluzione dei nostri tempi” è illegale.

Dieci persone sono già state arrestate a norma di legge durante manifestazioni che hanno avuto luogo il 1 ° luglio.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaCentinaia di persone arrestate con l’entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong

La nuova legge sulla sicurezza di Hong Kong

Qual è stata la reazione dall’estero?

Molti paesi sono stati critici.

I legislatori statunitensi hanno approvato all’unanimità nuove sanzioni relative a Hong Kong, la portavoce Nancy Pelosi ha affermato che la legge equivaleva a “repressione brutale e radicale contro il popolo di Hong Kong, volta a distruggere le libertà promesse a lui “.

L’Hong Kong Autonomy Act, che è stato inviato al presidente degli Stati Uniti Donald Trump per la firma, impone sanzioni alle banche che si occupano di funzionari cinesi coinvolti nella repressione dei manifestanti a favore della democrazia a Hong Kong.

Nel frattempo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato l’adozione della legge una “chiara e grave violazione” della dichiarazione congiunta sino-britannica del 1985.

Il Regno Unito ha offerto la residenza, e possibile cittadinanza, fino a tre milioni di Hong Kong a seguito dell’attuazione della legge.

Molti altri hanno anche espresso serie preoccupazioni. L’Australia ha rivelato che, come il Regno Unito, prevede di offrire rifugio a Hong Kong.

La Cina ha risposto affermando che gli affari di Hong Kong non ti riguardavano.

Tuttavia, Cuba – a nome di 53 paesi – ha accolto con favore la legge.

Parlando alla 44a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha affermato: “La non interferenza negli affari interni degli Stati sovrani è un principio essenziale sancito dalla Carta delle Nazioni Unite”.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *